Cibi da evitare con le emorroidi

Quando la rete vascolare che circonda il canale anale si dilata possono comparire le emorroidi. Queste varici possono degenerare con prolasso o formazione di emorragie, se non vengono subito individuate e curate nel modo giusto. Si può fare attenzione ai cibi da evitare con le emorroidi, ma ovviamente non si può generalizzare, poiché le reazioni agli alimenti possono essere alquanto soggettive.

Limone

Ad esempio, ci si chiede se il limone rientri o meno tra i cibi da evitare con le emorroidi: in realtà, anche se questo agrume è noto per le sue proprietà astringenti, se lo si consuma al mattino con un bicchiere di acqua a digiuno pare faccia molto bene all'intestino, e di conseguenza potrebbe essere un toccasana anche per le emorroidi.

Oltre ai cibi da evitare con le emorroidi, bisogna fare attenzione allo stile di vita, che deve essere il più possibile sano e regolare, privo di eccessi sia alimentari che di altro tipo.

Si tratta di un disturbo comune ma assai fastidioso, provocato dalla dilatazione dei cuscinetti di tessuto vascolare che proteggono lo sfintere anale e dalla progressiva perdita di elasticità degli stessi. Le emorroidi colpiscono soprattutto le persone con un'età superiore ai 50 anni, e sono più frequenti nei Paesi più sviluppati del pianeta.

Di seguito i temi che andiamo ad approfondire brevemente in questo articolo. Questo è un articolo da intendersi come informativo e non sostituisce in alcun modo il consiglio medico a cui vi rimandiamo come miglior soluzione o consulto.

Quando le emorroidi non sono episodiche ma sono costanti e determinano un prolasso si parla più specificamente di "malattia emorroidaria", che rientra tra le patologie ano-rettali più diffuse. In realtà ci sono emorroidi interne ed emorroidi esterne, e tra queste vi sono differenze.

  • Quelle interne sono generalmente meno fastidiose, si trovano all'interno del retto e sfociano in prolasso o sanguinamento solo a causa di uno sforzo forte o prolungato.
  • Le emorroidi esterne fuoriescono sulla parte esteriore dell'ano e se irritate possono provocare anche gonfiore e dolore persistente.
  • Le emorroidi sanguinanti si verificano generalmente dopo lungo tempo, quando il disturbo non viene preso in tempo oppure viene trascurato.

In questi casi bisogna intervenire subito per evitare il rischio di anemie anche gravi per mancanza di ferro. Andiamo a vedere nel dettaglio cosa fare in caso di emorroidi, come riconoscerle in tempo, quali sono i rimedi più giusti e quali sono i cibi da evitare.

Emorroidi: sintomi

Anche se vi sono episodi di emorroidi cieche, cioè che si presentano senza alcun sintomo specifico, nella maggior parte dei casi i sintomi delle emorroidi sono abbastanza singolari e riconoscibili:

  • perdita di sangue conseguente all'emissione di feci
  • bruciore
  • prurito
  • senso di pesantezza nella zona dell'ano.

Il sanguinamento è un aspetto da tenere in considerazione: nel caso di emorroidi solitamente è di colore rosso vivo, mentre se il colore è scuro significa che proviene da una zona più interna dell'intestino, e non dal suo tratto finale. Anche il dolore è un sintomo specifico della presenza di emorroidi, e può andare da un fastidio lieve ad un dolore più forte in caso di infiammazione.

In particolare le emorroidi interne potrebbero secernere parecchio muco, e questo è il responsabile dell'infiammazione dell'intera zona rettale e anale. Le emorroidi possono provocare anche disagio e dolore se si permane troppo tempo in piedi o seduti.

Cause delle emorroidi

All'origine delle emorroidi ci sono fattori diversi. Malgrado si tratti di un disturbo che colpisce soprattutto gli uomini di mezza età, le emorroidi possono comparire nelle donne in gravidanza (spesso queste regrediscono in maniera spontanea, senza alcun bisogno di cure).

A determinare lo stato di pressione che genera la formazione di emorroidi nel tratto rettale-anale può contribuire anche l'obesità ed una stitichezza prolungata nel tempo. Tra le cause bisogna riconoscere i cibi da evitare con le emorroidi vi è anche l'alimentazione scorretta, a base di cibi troppo elaborati, grassi o piccanti (come la 'nduja), alimenti ricchi di spezie.

nduja

Emorroidi: rimedi

In caso di emorroidi cosa fare? Sono in tanti a chiedersi come curare le emorroidi nel miglior modo possibile, evitando l'intervento chirurgico.

L'operazione può essere necessaria in alcuni casi più gravi, dato che la malattia emorroidale può presentarsi in diversi stadi (per la precisione quattro), caratterizzati appunti da livelli diversi di gravità. In genere si ricorre alla chirurgia se si verifica uno strozzamento delle emorroidi con relativa ostruzione dei cuscinetti.

Anche l'intervento ospedaliero, però, non si rivela sempre risolutivo del problema. Se il disagio è piuttosto lieve e allo stadio iniziale si potrebbe provare ad eliminare le emorroidi con rimedi naturali.

Per curare le emorroidi in maniera efficace senza ricorrere ai farmaci esistono alcuni rimedi provenienti dalla natura. Eccone qualcuno. Se il problema deriva da una stitichezza persistente divenuta ormai cronica può essere utile introdurre nella dieta alimenti che contengano fibre vegetali: queste facilitano un corretto transito intestinale.

Rimedi naturali

Altro rimedio naturale consiste nell'applicare localmente pomate a base di ippocastano: la corteccia di questa pianta contiene sostanze utili al trattamento e alla guarigione delle emorroidi.

Altrettanto efficace in caso di emorroidi è il gel di aloe vera, da ricavare facilmente dalle foglie se si possiede una pianta in giardino. Basta applicare una piccola quantità di gel sulla zona interessata dall'irritazione e si avrà un rapido sollievo dal fastidio e dal dolore.

Altri rimedi naturali da prendere in considerazione sono gli estratti di cipresso, pomate contenenti elicriso, e per finire centella ed amamelide, due piante che hanno la capacità di rafforzare le pareti venose e ricostruire i tessuti.

Ghiaccio emorroidi

Ecco un altro rimedio "della nonna" da utilizzare quando il dolore e il fastidio impediscono il regolare svolgimento delle attività quotidiane, il ghiaccio per emorroidi.

Ottimo per ridurre il gonfiore provocato dalle emorroidi, il ghiaccio va applicato localmente utilizzando un panno in cotone. Dopo averlo tenuto per qualche minuto sulla zona infiammata, lo si toglie. L'operazione va ripetuta per almeno cinque volte durante la giornata.

Cibi da evitare quando si hanno le emorroidi

Nella prevenzione e cura delle emorroidi gioca un ruolo fondamentale la scelta di ciò che si mangia quotidianamente e dello stile di vita che si conduce. Tra alimentazione ed emorroidi c'è un legame piuttosto stretto, perché alcuni alimenti non fanno che favorire lo stato infiammatorio e quindi andrebbero accuratamente evitati.

Quali sono dunque i cibi da evitare con le emorroidi nel caso si presentano a rendere meno complicata la nostra vita?

Ecco un elenco che vi aiuterà a capire in che modo organizzare una eventuale dieta per emorroidi.

Bibite gassate

Evitare anche le bevande troppo dolci.

Alcolici e super alcolici

Se si hanno problemi di emorroidi il consiglio è d eliminare del tutto bevande alcoliche come la vodka ed il whisky, poiché l'alcol alimenta l'infiammazione.

Formaggi stagionati

Anche questi alimenti sono dannosi in caso di emorroidi.

Cioccolato

E' di fatto un alimento piuttosto "riscaldante", quindi andrebbe evitato in caso di emorroidi sia interne che esterne.

Caffè

Questa sostanza andrebbe consumata con moderazione, a maggior ragione se si è un soggetto predisposto al problema delle emorroidi.

Alimenti troppo grassi

Poiché rischiano di provocare infiammazione al colon, i cibi grassi o eccessivamente conditi potrebbero favorire la comparsa di emorroidi.

Cibi fritti e salati

Se si è abituali frequentatori di pub e paninoteche è preferibile evitare gli alimenti che contengono troppo sale oppure fritti se si desidera combattere o prevenire il problema delle emorroidi.

Peperoncino

Non tutti i nutrizionisti concordano sul fatto che il peperoncino provochi la comparsa di emorroidi: anche se la questione è controversa e dibattuta, meglio evitare per maggiore sicurezza. Attenzione quantomeno al grado di piccantezza.

Cibi da evitare con le emorroidi

Alimenti astringenti emorroidi

Rientrano in questa categoria alcuni alimenti di uso quotidiano, come:

  • il riso
  • le patate
  • la crusca di grano
  • i crostacei
  • i dolci troppo grassi
  • le banane
  • la frutta secca
  • i formaggi fermentati.

Alimenti irritanti emorroidi

Alcuni cibi irritano l'intestino, per questo rientrano tra i cibi da evitare con le emorroidi:

  • tartufi
  • ravanelli
  • peperoni
  • salse speziate
  • pomodori
  • aceto e aceto balsamico
  • ketchup e intingoli simili vanno banditi.

Informazioni

Ci impegniamo costantemente per la precisione e la correttezza delle informazioni.
Se riscontri qualcosa di errato o mancante, scrivici.

Per citare o ripubblicare questi contenuti

Licenza

Creative Commons 2.5

Titolo dell'articolo

Cibi da evitare con le emorroidi

Autore del testo

Redazione, per Cucinare.meglio.it

Nome della fonte

Cucinare.meglio.it

URL

https://cucinare.meglio.it/tema/cibi-da-evitare-con-le-emorroidi/

Data di pubblicazione

Lunedì 19 febbraio 2018

Data di visita

Martedì 20 agosto 2019

Commenti a questo articolo

Non ci sono commenti. Inserisci tu il primo.
Commenta questo articolo Commenti Facebook

Altri articoli

Questa pagina è stata utile?
Scrivi un commento