Carne bianca: vitello

C'è chi lo chiama vitello a carne bianca, chi vitello a carne chiara, chi vitella da latte, ma tutti, in tutta Italia, intendiamo la stessa cosa: è la carne di vitello, che riconosciamo benissimo al supermercato per il colore che è così diverso da quello della carne di manzo.

Qual è la verità dietro il vitello a carne bianca?

Tale carne è molto più chiara, di colore rosato, tanto che si può facilmente confondere con la carne di suino.

La questione del vitello a carne chiara è uno dei principali cavalli di battaglia delle associazioni animaliste, che scoperto l'orribile metodo di allevamento di questi animali negli anni '70 hanno deciso di iniziare campagne di informazione e di sensibilizzazione a riguardo.

Questa battaglia fu vinta diversi anni fa, con un miglioramento generale delle condizioni di questi animali. Per direttive della Comunità Europea, i vitelli da latte sono allevati in modo non troppo diverso da altri bovini: queste associazioni però continuano a portare all'attenzione delle persone l'orribile metodo di allevamento ormai vietato e in disuso; così che quella che alcuni anni fa era una campagna di informazione, oggi è diventata disinformazione.

Cerchiamo di chiarire in questo articolo la questione: come viene allevato il vitello oggi? Durante l'allevamento, è stato maltrattato?

I vitelli a carne chiara sono tutti i maschi di razza frisona (i bovini a macchie bianche e nere) le cui femmine diventano vacche da latte e sono deputate alla produzione; i vitelli maschi, salvo qualche fortunato che diventa toro e di mestiere farà “il padre”, vengono mandati in un allevamento dove crescono.

In passato

Poiché le persone ricercavano la carne chiara, in passato si cercava di far rimanere questi vitelli sempre anemici, ovvero si evitava di inserire il ferro nella loro dieta. Il ferro è l'elemento essenziale con cui si producono la mioglobina e l'emoglobina, i due pigmenti che colorano di rosso il sangue e le carni; se il ferro non c'è, il sangue e i muscoli rimangono chiari. Questi animali si nutrivano di solo latte.

L'importanza del ferro e il problema dei farmaci

Ma il ferro non serve solo a colorare il corpo di rosso, ma anche a trasportare ossigeno e, soprattutto, è importantissimo per il sistema immunitario: senza ferro, le difese immunitarie sono poco efficienti, per cui il vitello era praticamente sempre malato.

Per farlo stare un po' meglio si attuavano una serie di metodi: il vitello non doveva vedere altri animali, doveva stare praticamente fermo, sempre nella stessa posizione per tutta la vita, guardando il latte e solo quello. Era anche imbottito di antibiotici. Dolori, crampi, sofferenza e malessere erano elementi costanti della vita quotidiana di questi animali che, ad un certo punto, venivano macellati.

La carne di questi vitelli era considerata una panacea per le malattie specialmente nei bambini. E succedeva che i bambini che la mangiavano stavano davvero meglio, per effetto del fatto che il vitello era imbottito di antibiotici.

Oggigiorno

Ad oggi, le cose non stanno più in questo modo: vi sono diverse leggi che hanno impedito questa pratica.

La prima è la normativa generale sull'utilizzo delle medicine in ambito di allevamento, che le ha fondamentalmente ridotte drasticamente. Troppe medicine negli animali significano troppe medicine nel nostro organismo, e se si considera il già alto uso abitudinario, troppe medicine portano a far sì che i batteri diventino resistenti e che le medicine - quelle destinate all'uomo - attualmente conosciute non siano più in grado di distruggerle.

Questo fenomeno si chiama antibiotico-resistenza.

La seconda è una normativa che impone dei limiti minimi di decenza nella vita di questi animali: un minimo di ferro garantito nella dieta e quindi nel sangue, la possibilità di muoversi, la possibilità di interagire con altri vitelli per tutta la vita, la possibilità di assumere alimenti che non siano solo latte, ovvero foraggio, fieno, che sono il nutrimento naturale di questi animali.

Così oggi l'allevamento di un vitello a carne chiara non è molto diverso da un qualsiasi altro vitellone o manzo, sennonché l'età di macellazione è molto più giovane.

La carne di vitello oggi è da considerare un prodotto buono che offre allo stesso tempo la garanzia che gli animali non sono stati maltrattati durante la loro vita. La propaganda animalista, in questo caso, è qualcosa che appartiene al passato.

Informazioni

Ci impegniamo costantemente per la precisione e la correttezza delle informazioni.
Se riscontri qualcosa di errato o mancante, scrivici.

Per citare o ripubblicare questi contenuti

Licenza

Creative Commons 2.5

Titolo dell'articolo

Carne bianca: vitello

Autore del testo

Valerio Guiggi, per Cucinare.meglio.it

Nome della fonte

Cucinare.meglio.it

URL

https://cucinare.meglio.it/tema/vitello-carne-bianca/

Data di pubblicazione

Martedì 15 settembre 2015

Data di visita

Domenica 19 novembre 2017

Note sull'autore

Valerio GuiggiValerio Guiggi • Laureato in Medicina Veterinaria nell'Aprile 2013 a 24 anni, con una valutazione di 110 e lode, ed abilitato alla professione nel Giugno nello stesso anno, è appassionato di "sicurezza alimentare", la branca della veterinaria che si occupa della prevenzione delle malattie dell'uomo che vengono trasmesse con gli alimenti. Nel Gennaio 2014 supera il test a numero chiuso per specializzarsi in Ispezione degli Alimenti, specializzazione della durata di tre anni, e dal Marzo dello stesso anno collabora con il dipartimento della prevenzione dell'ASL di Livorno. Da Ottobre 2014 collabora con l'azienda CSA (Consulenza Sanitaria Alimentare) di Livorno, che offre consulenza sanitaria e legale ad aziende alimentari della zona. Dall'inizio del 2015 è inoltre responsabile scientifico di Socialdogcat.com, che si occupa della salute dei cani e dei gatti. Dal mese di maggio del 2015 scrive per Cucinare Meglio.

Commenti a questo articolo

Non ci sono commenti. Inserisci tu il primo.
Commenta questo articolo Commenti Facebook

Altri articoli

Questa pagina è stata utile?
Scrivi un commento